Questo sito utilizza cookie analitici e di profilazione, propri e di altri siti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai riferimento all'informativa. Se fai click sul bottone "Acconsento" o accedi a qualunque elemento sottostante a questo banner acconsenti all'uso dei cookie

Lunedì 14 gennaio 2008 l'Associazione SOS Alzheimer e la Caritas diocesana di Roma, settore Volontariato, in collaborazione con il Centro del Sacro Cuore di Roma (Via Bardanzellu, 83) hanno inaugurato il primo Salotto Alzheimer della Capitale.

L'Associazione SOS Alzheimer grazie alla fattiva collaborazione della Caritas romana che, memore di una precedente esperienza, ha potuto contribuire al progetto insieme alla disponibilità logistica data dal Centro del Sacro Cuore di Roma, ha messo a disposizione il proprio know how medico-scientifico, il proprio personale O.M.A.D. - Operatore per i Malati di Alzheimer ed altre forme di demenza e dei volontari per accogliere pazienti e familiari in un ambiente curato nel design e nella capacità di ospitalità.

A partire da lunedì 14 gennaio 2008, a cadenza settimanale si ripeteranno gli incontri ogni lunedì dalle 15,30 alle 17,30.
Si tratterà di incontri tematici, si sperimenteranno tecniche e strategie di riabilitazione cognitiva come la musicoterapia, la psico danza terapia, la logopedia, la reminescence therapy.

Si cercherà soprattutto di accogliere veramente tutte le richieste che perverranno offrendo alla città un servizio ed un punto di riferimento certi.

Nella stessa occasione è stata lanciata dall'Associazione, l'iniziativa del Centro di Ascolto Psicologico che partirà con i suoi appuntamenti settimanali del martedì; dal 22 gennaio p.v. presso la sede dell'associazione (V.le Bruno Rizzieri, 120 - 00173 Roma, zona Cinecittà Est) dalle ore 16,00 alle ore 19,00, preferibilmente su appuntamento.

All'inaugurazione del Salotto Alzheimer, moderato da Maria Grazia Giordano, e da Toni Santagata, Testimonial dell'Associazione, sono intervenuti:

l'Assessore Raffaela Milano, Ass.to Politiche Sociali e Promozione della Salute, Comune di Roma

l'Assessore Silvia Costa (Ass.to Servizi Sociali), Regione Lazio

Rita Gregori, Consulta handicap X Municipio

Avv. Alba Giordano, responsabile Dip. Pari Opportunità UDC romana

Don Guerino Di Tora, Caritas Diocesana Roma

la Dott.ssa Francesca Danese, CESV-SPES, Roma

la Dott.ssa Flora Modarelli, MMG, ASL ROMA B

la Dott.ssa Silvia Scalmana - Psicologa

la Dott.ssa Angela Mennea - Psicologa

la Dott.ssa Angela Allegretta, Neurologa e Omotossicologa

il Dott. Enzo Pirrotta, MMG ASL ROMA B

Già presenti in altre nazioni da molti anni (il primo è stato aperto a Leida, in Olanda, nel 1997) gli "Alzheimer Cafè" stanno prendendo piede anche in Italia.Si tratta di salette in luoghi pubblici o presso circoli privati, concesse in uso agli ammalati ed ai loro familiari per uno o due pomeriggi alla settimana.
Tra un caffè, un pasticcino ed una bibita, gli esperti del settore affrontano con i familiari diverse tematiche relative all'invecchiamento, quali i disturbi dell'orientamento temporo-spaziale, la demenza, il mondo interiore dell'anziano e simili. Lo scambio di opinioni viene "facilitato" da una esperienza emozionale introduttiva, mediata da scene tratte da film o dalla lettura di brani letterari. In tal modo i familiari acquistano maggiore consapevolezza delle proprie emozioni nell'assistere il congiunto e riescono a "ricollocarle" più razionalmente.
I malati, per loro conto, si giovano di tecniche di stimolazione mnemonica, sia formali che informali, e della possibilità di socializzazione e di svago che l'ambiente offre.

Per informazioni:

Associazione SOS Alzheimer tel.: 06 72910175 (dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30)
Maria Grazia Giordano, responsabile Rapporti Istituzionali dell'Associazione: cell. 333 2611370.